IV MEETING NAZIONALE GRUPPO ITALIANO DI PALEOPATOLOGIA

Scarica programma.

INGRESSO LIBERO

PROGRAMMA

8.30 Registrazione dei Partecipanti 9.00 Saluto di Benvenuto

9.00 Saluto di Benvenuto –
P. Marco Federici ofm Padre Guardiano del Convento di San Giuliano – L’Aquila

9.10 Introduzione ai lavori
Luca Ventura Coordinatore GIPaleo; UOC Anatomia Patologica, Ospedale San Salvatore, L’Aquila

SESSIONE I

Moderatori: Raffaele GAETA (Pisa) e Marta LICATA (Varese)

9.20 Il ferimento e la morte di Ferdinando Francesco d’Avalos (1490-1525), marchese di Pescara e vincitore della battaglia di Pavia: evidenze archeologiche e paleopatologiche – Gino Fornaciari Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere, Università di Pisa

9.40 La bimba perduta: studio antropologico e paleopatologico di una mummia naturale italiana della prima metà del 20° secolo – Agata Lunardini, Simona Minozzi, Valentina Giuffra, Antonio Fornaciari, Davide Caramella, Gino Fornaciari

10.00 Il Beato Vincenzo dell’Aquila (1430-1504). Ricognizione Canonica e studio paleopatologico
Luca Ventura, Mattia Ioannucci, Giulia Tudico, Alfonso Raffaele, Carlo Masciocchi

10.20 San Davino Armeno (†1050). Risultati preliminari dello studio paleopatologico
Antonio Fornaciari, Valeria Mongelli, Luca Melai, Davide Caramella, Gino Fornaciari, Valentina Giuffra

10.40 Rivalutazione diagnostica di due “sarcomi pleurici” dalla Collezione Anatomopatologica di Torino
Luisa Ferrari,, Jasna Metovic, Daniela Rullo, Luca Ventura

11.00 Pausa caffè

SESSIONE II

Moderatori: Valentina GIUFFRA (Pisa) e Luca SARAGONI (Forlì)

11.30 Ricostruzione degli ultimi attimi di vita di un abitante di Mutina: analisi multianalitica di ferite da arma da taglio da una necropoli tardoantica
Mirko Traversari, Antonino Vazzana, Lucia Martina Scalise, Carla Figus, Salvatore Andrea Apicella, Laura Buti, Gregorio Oxilia, Rita Sorrentino, Silvia Pellegrini, Chiara Matteucci, Lucio Calcagnile, Raffaele Savigni, Robin N. M. Feeney, Giorgio Gruppioni, Stefano Benazzi

11.50 Lesioni craniche da arma da fuoco e da arma bianca nella battaglia di San Martino (1859)
Simona Minozzi, Valentina Ghiroldi, Gino Fornaciari

12.10 Dalle questioni paleopatologiche allo scavo dell’area cimiteriale di Sant’Agostino in Caravate (Varese)
Marta Licata, Daniele Capuzzo, Adelaide Tosi, Omar Larentis

12.30 Evidenze patologiche dal campione medievale della chiesa di San Pietro e Paolo in Brentonico
Enrica Tonina, Caterina Pangrazzi, Omar Larentis

12.50 La diffusione della lebbra in Italia
Mauro Rubini, Nunzia Libianchi, Alessandro Gozzi, Elena Dellù, Paola Zaio

13.10 Analisi antropologica e paleopatologica del cranio trapanato di Aliano (Matera)
Gaetano Miranda, Domenico Mancinelli†, Ada Preite

13.30 Pausa Pranzo e Visita Guidata del Convento a cura dell’Associazione AquilArtes

SESSIONE III

Moderatori: Luisa FERRARI (Asti) e Mauro RUBINI (Roma, Foggia)

15.00 Un possibile caso di micosi da una sepoltura post-classica da La Selvicciola (Italia)
Ileana Micarelli, Robert Paine, Mary Anne Tafuri, Giorgio Manzi

15.20 Un caso medievale di possibile neuroblastoma metastatico da Vico nel Lazio (FR), XIII-XV secolo
Paola Zaio, Nunzia Libianchi, Alessandro Gozzi, Elena Dellù, Mauro Rubini

15.40 Osteomi multipli in uno scheletro dalla necropoli medievale di Pava (Toscana, XII-XIII secolo)

Valentina Giuffra, Giuseppe Naccarato, Maura Castagna, Riccardo Lencioni, Silvio Chericoni, Valeria Mongelli, Giulia Riccomi, Stefano Campana

16.00 Diagnosi di cifosi in un caso di occultamento di cadavere. Lo scheletro della Cripta di Azzio
Omar Larentis, Ilaria Gorini, Chiara Rossetti, Enrica Tonina, Marta Licata

16.20 I resti scheletrici di Tommaso da Cascina (1379-1460), fondatore del Convento di San Giuliano
Giulia Tudico, Gaetano Miranda, Mattia Ioannucci, Alfonso Raffaele, Carlo Masciocchi, Luca Ventura

16.40 Locus parvulorum, le patologie dei bambini della Chiesa della Natività di Santa Maria, Segno (Trentino)
Omar Larentis, Enrica Tonina

17.00 Chiusura dei lavori

 

Festa del Beato Vincenzo

La Comunità Francescana di San Giuliano informa che il giorno 01 settembre si svolgerà la Festa solenne del Beato Vincenzo dell’Aquila.

In occasione dell’evento avverrà la reposizione delle spoglie del Beato, oggetto di recente ricognizione, nella cappella a lui dedicata all’interno della chiesa di San Giuliano.

L’appuntamento è presso il Convento di San Giuliano alle ore 18,30: aprirà l’incontro una breve relazione del dott. Luca Ventura sulla ricognizione effettuata sul corpo del frate francescano. Seguirà alle 18,45 la Santa Messa presieduta dal Ministro Provinciale P. Luigi Recchia e la reposizione della teca all’interno del restaurato monumento sepolcrale. La celebrazione si chiuderà con una fiaccolata con partenza dal Convento di San Giuliano e arrivo nella chiesa di San Sisto. 

La cittadinanza è invitata a partecipare.

La cappella del Beato Vincenzo nel Convento di San Giuliano torna così completa e rinnovata. Già lo scorso anno, infatti, era avvenuto il restauro della tavola dipinta di Saturnino Gatti raffigurante il Beato, grazie al contributo dell’Ordine degli Psicologi della Regione Abruzzo.

Il Beato Vincenzo dell’Aquila

 Vincenzo nacque all’Aquila nel 1430, nel rione della Rivera, in una casa posta ai piedi dell’attuale convento di Santa Chiara le cui pietre, secondo la tradizione, furono riutilizzate dai frati Minori Cappuccini per la costruzione del loro convento di San Michele, in località Campo di Fossa. Dopo la morte di San Bernardino da Siena, probabilmente tra il 1447 e il 1448, Vincenzo abbracciò la vita religiosa, abbandonando l’originario mestiere di calzolaio ed entrando nel convento Osservante di San Giuliano dove visse in preghiera e in rigida austerità.  Alla sua intercessione furono attribuiti eventi straordinari, guarigioni miracolose e predizioni profetiche. Segnato dagli stenti e dall’età, Vincenzo morì all’Aquila il 7 agosto 1504. Sepolto a San Giuliano, il suo corpo incorrotto fu subito oggetto di devozione popolare. Il suo culto fu confermato nel 1787 da papa Pio VI.